Lo scrutinio segreto dell’Assemblea Elettiva FIGC

Scrutinio segreto Assemblea Elettiva FIGC

Scrutinio segreto per l’Assemblea Elettiva per l’elezione del Presidente della FIGC  con accredito computerizzato e votazione elettronica con monitor touch screen. Ecco alcune immagini 

Le Fasi di Accredito

Area Accrediti

I banchi di Accredito

L’accredito di un delegato

Le cabine elettorali con monitor Touch screen

Scrutinio segreto

Monitor Touch Screen per Votazione elettronica

Le urne per imbucare le schede elettorali

Urna elettronica con monitor touch screen e stampante

Lo scrutinio segreto

La votazione avviene a scrutinio segreto grazie ad una procedura tecnico-organizzativa che separa il data base degli accreditati dal data base dei votanti

Un delegato imbuca la scheda elettorale

Aurelio De Laurentiis vota nelle cabine dedicate alla Serie A

Lettura del badge di un delegato per accedere in cabina

La lettura del badge di un delegato per accedere in cabina elettorale

Il Presidente della Sampdoria Ferrero imbuca la scheda elettorale

Il Presidente del Torino Urbano Cairo e il Presidente della Lazio Lotito si accingono ad entrare in cabina per votare

Cabina elettorale

Adriano Galliani entra in cabina elettorale

Proclamazione risultati dello scrutinio

Risultato dello scrutinio segreto e proclamazione candidato eletto

Lo scrutinio elettronico è immediato all’uscita dalla cabina dell’ultimo elettore e sui grandi schermi appaiono i risultati per la proclamazione del vincitore

 

 

 

Lo scrutinio segreto per l’assemblea elettiva della FIGC è obbligatorio per statuto.

Per eleggere il Presidente Federale e il Presidente del collegio sindacale sono necessari quorum diversificati decrescenti in funzione dello scrutinio. Nel caso dell’elezione del 2016 sono stati necessari tre passaggi di votazione in cabina elettorale per poter eleggere il nuovo Presidente. Ciò significa che è impensabile procedere all’elezione senza organizzare un sistema che consenta di effettuare uno scrutinio in tempo reale. Per questo motivo FIGC organizza da alcuni anni un’assemblea che prevede il voto elettronico con scrutinio in tempo reale. Dopo alcune esperienze fallimentari FIGC ha incontrato Telemeeting Italia che, a partire dal 2008 gestisce le assemblee elettive e quelle straordinarie.

I vincoli normativi dettati dallo Statuto FIGC, nonché gli enormi interessi economici e mediatici che ruotano intorno al mondo del calcio impongono una serie di condizioni che hanno obbligato ad effettuare alcune scelte tecniche ed organizzative.

La FIGC è divisa in 7 leghe/componenti: Serie A, Serie B, LegaPro, LND, Associazione Italiana Arbitri AIA, Associazione Italiana Allenatori Calcio AIAC, Associazione Italiana Calciatorii AIC. Ogni lega/componente ha diritto ad un peso di voto differente.

Nella fase di accredito i delegati vengono accolti presso una serie di postazioni di accredito computerizzato suddivise per lega/componente dove vengono riconosciuti ed accreditati. Al delegato viene rilasciato un badge di colore differente in funzione della lega/componente di appartenenza. Il badge contiene un codice a barre identificativo del delegato.

Un delegato atleta imbuca la scheda elettorale

Un delegato atleta imbuca la scheda elettorale

Al momento di apertura delle urne il delegato si reca all’ingresso della cabina elettorale. Viene riconosciuto attraverso la lettura del Badge. L’hostess preleva un tocken in maniera casuale e abilita l’urna elettronica. Il delegato entra e controlla il peso di voto. Poi può votare scegliendo il candidato preferito oppure scheda bianca. Una volta conclusa la votazione viene stampata la scheda elettorale. Il delegato la piega e la inserisce nell’apposita urna fuori dalla cabina elettorale.

Al termine delle votazioni viene effettuato lo scrutinio in tempo reale. Per garantire l’assoluta segretezza dell’operazione lo scrutinio avviene su apposito computer posizionato nella sala dell

Lettura dei risultati dello scrutinio

Lettura dei risultati dello scrutinio

a commissione elettorale. La commissione elettorale è composta da avvocati, notai e giuristi. Al momento dello scrutinio il responsabile di Telemeeting entra nella sala della commissione elettorale ed effettua lo scrutinio stampando il risultato. Il risultato dello scrutinio viene letto in sala e viene proiettato sul grande schermo.