Consiglio Regionale on line. L’esempio del Friuli Venezia Giulia

Consiglio Regionale On line

Il Consiglio Regionale on line

Il Consiglio Regionale che vota on line con I-Vote è uno degli esempi virtuosi generati dall’emergenza Covid 19.

Dimostra che anche in Italia alcuni progetti possono essere realizzati rapidamente e bene.

Il caso del Friuli Venezia Giulia fa scuola.

Quando i dirigenti del Consiglio Regionale si sono resi conto che l’emergenza generata dal Covid-19 non sarebbe stata breve ed avrebbe costretto a mantenere il distanziamento sociale per parecchi mesi si sono immediatamente attivati ed hanno contattato Telemeeting Italia.

L’obiettivo

L’obiettivo era quello di consentire di gestire le riunioni del Consiglio Regionale on line in modo che tutti i consiglieri potessero registrare la propria presenza e votare dal proprio domicilio, ma senza modificare nulla nei regolamenti e nelle abitudini.

Sono state verificate diverse piattaforme ed è stata scelta I-Vote di Telemeeting Italia per la semplicità d’uso e la sicurezza di funzionamento.

I dirigenti della Regione hanno chiesto alcune modifiche alla piattaforma I-Vote per renderla aderente alle abitudini del Consiglio.

Le modifiche sono state prontamente realizzate e anche la procedura di acquisto è stata resa molto rapida per consentire una veloce applicazione del nuovo sistema.

Oggi le riunioni del Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia si svolgono totalmente on line con I-Vote.

I Consiglieri si registrano sulla piattaforma I-Vote generando il libro firma e votano totalmente on line dal proprio domicilio.

La piattaforma consente di gestire votazioni palesi e segrete e votazioni di nomi.

Piena soddisfazione dei Consiglieri

Per l’introduzione della piattaforma di voto on line I-Vote sono stati raggruppati gruppi di consiglieri che hanno potuto familiarizzare rapidamente con il nuovo sistema apprezzandone la rapidità e facilità d’uso.

La piattaforma di voto on line I-Vote è gestita interamente dal personale del Consiglio Regionale che opera in totale autonomia.

Ormai i Consiglieri hanno acquisito una buona pratica d’uso del sistema che consente anche di gestire riunioni in presenza ma con distanziamento sociale garantito da spazi più ampi di quelli dell’aula consiliare.